Fandom

Dragon Ball Wiki

Astronave di Dio

861pagine in
questa wiki
Crea nuova pagina
Commenti0 Condividi

L'Astronave di Dio (ナメック星人 宇宙船, Namekku-seijin Uchūsen) è un'antica astronave namecciana con la quale il figlio di Katattsu fu messo in salvo sulla Terra, scampando dal cataclisma che colpì Namecc.

Caratteristiche

La nave ha una forma alquanto peculiare, sembrando quasi una sorta di animale. I quattro piloni di atterraggio sembrano delle zampe, mentre gli oblò posti sulla parte anteriore della fusoliera danno l'impressione di formare un muso.

L'astronave è tecnologicamente avanzatissima per gli standard dei Terrestri, e sembra essere più sofisticata anche della tecnologia in possesso dei Saiyan e delle forze al comando di Freezer. Buona parte dell'interfaccia di comando, infatti, è ad attivazione vocale. Per entrare nell'astronave, è necessario parlare in lingua namecciana, e pronunciare una singola parola, ovvero Piccolo, che in namecciano significa un altro mondo. Dalla parte inferiore della fusoliera si abbassa una pedana di forma circolare, che poi rientra nello scafo pronuciando nuovamente la stessa parola. Anche il computer di bordo risponde a comandi vocali. Per far decollare l'astronave e mettersi in viaggio, è sufficiente dire al navigatore computerizzato la destinazione desiderata, e la nave parte nel giro di un secondo.

Gli interni della nave sono alquanto spartani. Pare ci sia un unico ambiente, ovvero la spaziosa cabina di pilotaggio, nella quale è posizionato la poltrona del pilota e una piccola consolle di comando davanti ad essa. C'è anche una seconda stanza infondo alla cabina, ma non viene mostrato cosa contenga, nè viene chiarito se si tratti di un'aggiunta fatta in seguito al ritrovamento dell'astronave da parte di Bulma.

NaveAggiustataCapsule.jpg

Bulma e i tecnici della Capsule Corporation aggiustano la navetta

La tecnologia impiegata per il volo spaziale è, come detto, estremamente più avanzata di quella in possesso dei Terrestri. Quando Bulma ottiene dal Re Kaioh le coordinate di Namecc, la ragazza calcola che il motore più potente della Terra permetterebbe loro di arrivare a destinazione in 4339 anni e 3 mesi, mentre grazie all'astronave di Dio, il viaggio richiede appena 34 giorni.

Storia

In viaggio per Namecc

L'invasione della Terra da parte di Vegeta e Nappa mette a dura prova i Guerrieri Z; Yamcha, Tenshinhan, Jiaozi e Piccolo rimangono uccisi in combattimento, mentre Son Goku riporta ferite e fratture che gli impediscono perfino di camminare. Dal momento che la morte di Piccolo comporta anche quella di Dio, gli amici uccisi non possono più essere resuscitati con le sfere del Drago. Fortunatamente, Crilin racconta di aver sentito dire ai due Saiyan che avrebbero trovato sfere ancora più potenti su un pianeta chiamato Namecc, avendo riconosciuto in Piccolo un'abitante di quel pianeta. Crilin conclude quindi che andando su Namecc e usando le sfere, i loro amici sarebbero potuti tornare in vita.

Purtroppo, la sola navicella lasciata dai Saiyan sulla Terra viene erroneamente distrutta da Bulma, che sperava di poterla studiare, e a quel punto la ragazza afferma che per raggiungere un pianeta così lontano servirebbero migliaia di anni, anche col motore più potente disponibile sulla Terra. Mr. Popo però interviene, raccontando che anni prima, Dio gli aveva parlato della sua "strana casa" sull'altura di Yunzabit, un luogo gelido ed inospitale. Bulma si reca sul posto con Popo, ed effetivamente riconosce in quella strana casa un'astronave. Grazie a Popo, che conosce la lingua namecciana, riesce ad entrare nella nave e a portarla fin su Giove, distante migliaia di chilometri dalla Terra.

Bulma e suo padre portano la nave alla Capsule Corporation e in pochi giorni riescono a riparare ed adattare la nave, che in breve è pronta alla partenza. Il viaggio è relativamente breve ma noioso; Bulma passa il tempo a leggere riviste e a tenere d'occhio la rotta, riducendo la cabina di pilotaggio ad un'ammasso di spazzatura e vestiti sparsi, mentre Gohan e Crilin si esercitano mentalmente.

In quattro episodi filler dell'anime, "Atterraggio su Namecc", "La guarigione di Vegeta", "Colpo di scena all'ultima sfera" e "Un nuovo nemico" i tre credono di essere arrivati su Namecc quando sbarcano su un pianeta e vengono accolti da due Namecciani, Raiti e Zakuro, che sembrano aiutarli a recuperare le sfere. In realtà, questi due sono alieni intrappolati sul pianeta, che ingannano i tre per rubare loro l'astronave ed andarsene. Sconfitti gli alieni, il viaggio prosegue e dopo pochi giorni, sbarcano sul vero Namecc.

NavettaDistruttaShui.PNG

La distruzione dell'astronave su Namecc

Qui, Bulma, Gohan e Crilin scoprono però che Namecc è stato invaso da qualcun'altro interessato alle sfere del Drago, e da lontano assistono all'atterraggio della navetta di Vegeta. Bulma, spaventata, si offre di tornare sulla Terra e tornare poi indietro con Goku, ma prima che possa fare qualsiasi mossa, il gruppo viene sorpreso da due soldati alieni, che distruggono la nave, obbligando così i Terrestri a rimanere sul pianeta.

Riferimenti

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su Fandom

Wiki casuale