FANDOM


Belmod (ベルモッド, Berumoddo), o Vermouth, è il Dio della Distruzione dell'Undicesimo Universo.[1] È accompagnato da Marcarita, sua maestra e assistente.

Descrizione

Aspetto

Belmod è un alto umanoide pallido di corporatura scarna con una somiglianza di un clown, ha la pelle bianca, una testa per lo più calva con due grandi sbuffi di capelli arancioni che si espandono su ciascun lato, un grande naso rotondo rosso e grandi labbra rosse. Ha una spessa linea verticale blu che gli attraversa entrambi gli occhi, ciascuno con spessi profili neri.

Belmod è a torso nudo, indossa un collare nero, rosa e blu con impresso un cerchio arancione, bracciali dorati, una fascia viola legata alla vita, pantaloni rosa e azzurri e stivali marroni. Sui pantaloni sono impressi un cerchio bianco e tre rombi arancioni, l'ultimo dei quali è di dimensioni maggiori.

Personalità

Belmod non perdona il male, né si attiene a esso, poiché è descritto come un dio pacifico. È molto contento dei valorosi sforzi dei suoi Pride Troopers, con la loro opera di giustizia che fa tremare il cuore. In contrasto con le relazioni mostrate tra la maggior parte degli altri Dei della Distruzione e il loro rispettivo Kaiohshin, Belmod sembra avere un rapporto civile e cordiale con Khai. Anziché essere scortese o agire in modo superiore alla sua controparte, Belmod è disposto ad ascoltarlo e a conferire decisioni. Tuttavia, non è privo di vizi, dato che gli piace essere coccolato da belle donne di un pianeta che ha progettato di distruggere, e quando una di loro ha minacciato Marcarita con un coltello, l'ha distrutta sul posto. Non è nemmeno superiore a vantarsi della potenza del suo universo, mentre si gongolava quando i guerrieri della sua squadra scommettevano sugli altri concorrenti.

A differenza di Beerus e Champa, che si divertono nel loro ruolo, Belmod è più umile al riguardo, poiché ha selezionato personalmente un potenziale successore per il suo universo, Toppo, permettendogli perfino di osservare alcuni eventi esclusivi alle divinità. Belmod è più incline ad ascoltare il suo Angelo, Marcarita. A causa di ciò, sia Belmod che Khai sono molto più fiduciosi nella loro squadra, i Pride Troopers, e meno preoccupati della cancellazione rispetto agli dei degli altri universi.

Belmod trova Son Goku una persona imperdonabile e biasimevole, ritenendo la sua stretta relazione con gli Zeno e l'idea di un torneo la causa delle cancellazioni degli Universi. Può sorprendersi come mostrato quando ha visto Goku trasformarsi in Super Saiyan Blue, che è uno stato che raggiunge i livelli di un dio, e quando ha visto Vegeta caricare il suo Final Flash contro Jiren.

Ha accettato tranquillamente il suo destino mentre veniva cancellato da Zeno.

Abilità

Belmod attacco con le carte

L'attacco speciale di Belmod.

Come con tutti gli Dei della Distruzione, Belmod è incredibilmente forte, ma viene superato in termini di potenza da Marcarita e Jiren. Nell'anime, è stato detto che Belmod è più forte di Beerus.

Nel manga, durante il Torneo di Esibizione per Zeno, Belmod è in grado di danneggiare tutti gli Dei della Distruzione catturandoli in sfere di energia e attaccandoli con delle carte taglienti. Toppo afferma che, basandosi esclusivamente sull'abilità di combattimento, Belmod è più debole di Jiren.

Tecniche e Abilità

  • Volo– L'abilità di volare tramite l'uso del ki.
  • Colpo del Ki – Attacco base tramite l'uso del ki.
  • Distruzione - Essendo un Dio della Distruzione, Belmod ha la capacità di distruggere ogni forma di vita.

Storia

Background

Belmod acquisì il titolo di Dio della Distruzione precisamente 267,974 di anni prima dell'anno 780.

Nel manga, Belmod partecipò al Torneo di Nascondino organizzato da Zeno, ma quando Beerus si nascose e si addormentò per cinquant'anni, il torneo venne annullato, Zeno diventò furioso e gli altri Dei della Distruzione impiegarono molta fatica per calmarlo. Da quel momento, Belmod e gli altri Dei cominciarono a disprezzare Beerus.

Nell'anime, prima del Torneo del Potere, Belmod e Beerus erano soliti disputare delle sfide a braccio di ferro, che vedevano come vincitore sempre Belmod.

Dragon Ball Super

Saga delle Sopravvivenza dell'Universo

Nel manga, Belmod pensava di ritirarsi come Dio della Distruzine, e così stava addestrando Toppo a prendere il suo posto. Prima che il Gran Sacerdote chiamasse tutti gli Dei, Belmod veniva coccolato da donne su un pianeta che progettava di distruggere in seguito, come un modo per celebrare il suo 87.910.715 ° giorno come Dio della Distruzione, quando Marcarita venne a informarlo di l'incontro, una delle ragazze la minacciava, quindi Belmod la distrusse. Marcarita, Belmod e Khai furono poi portati nel palazzo di Zeno. Portò Toppo con sé per dargli esperienza nel trattare con il Gran Sacerdote per il lavoro finale di Toppo come successore del Dio della Distruzione. Durante questo incontro, ha affrontato gli altri Dei della Distruzione. Inizialmente, si schierò con gli altri dei contro Beerus, ma presto se ne approfitta e attacca Sidra che in quel momento aveva abbassato la guardia.

Belmod,Khai e Marcarita

Belmod, Khai, Marcarita e Toppo al Torneo di Esibizione per Zeno.

Belmod, al fianco di Khai, Marcarita e Toppo partecipano al Tornei di Esibizione per Zeno. Lui, come le altre divinità, non amava Goku.

Nell'anime è rimasto scioccato quando Goku è diventato un Super Saiyan Blue. Ha approfittato della natura eccessivamente entusiasta di Toppo di affrontare Goku, così Khai ha convinto i due Zeno a lasciare che Toppo combattesse contro Goku, sperando che Toppo eliminasse Goku prima del Torneo del Potere.

Nella versione manga partecipò al Torneo insieme agli altri Dei e attaccò Beerus insieme a loro, dopo essere stato salvato da Sidra, Belmod lo buttò giù.

Dopo le esibizioni, Belmod ha parlato con Khai e Marcarita dell'imminente Torneo del Potere. In seguito andarono a reclutare Jiren e il resto dei Pride Troopers, promettendogli un desiderio dalle Super Sfere del Drago

Durante l'incontro degli Dei della Distruzione, Belmod ha detto con sicurezza che l'Universo 7 non ha alcuna possibilità contro i suoi Pride Troopers. Durante il Torneo del Potere, è una delle poche divinità che non è preoccupata. Tuttavia, dopo che sei Pride Troopers sono stati eliminati, ha iniziato a mostrare preoccupazione.

Durante la lotta tra Hit e Dyspo, Belmod era sicuro che Dyspo avrebbe battuto Hit. Dopo che Kunshi è stato eliminato, Belmod è ancora una volta preoccupato, tuttavia Khai gli dice che con Toppo e Jiren, non hanno nulla di cui preoccuparsi.

Dopo che Dyspo è stato catturato da Maji Kayo, Belmod è momentaneamente in preda al panico ma Jiren sconfigge Maji Kayo buttandolo fuori dal ring, a questo punto Belmod si calma e afferma che con Jiren non avrà niente da temere.

Ben presto, Belmod ordinò a Jiren di schiacciare Goku, tuttavia, rimane senza parole insieme agli altri Dei della Distruzione, dopo aver appreso che Goku ha ottenuto l'Ultra Instinct "Omen", poi si calma quando il potere svanisce e Goku viene sconfitto.

Successivamente mostra preoccupazione quando Vegeta sembra avere la meglio su Jiren, ma si calma di nuovo quando Jiren riesce a sconfiggere il Saiyan senza sforzo.

Dopo la sconfitta di Jiren, Belmod viene cancellato insieme al proprio universo.

In seguito alla vittoria del Settimo Universo, l'Undicesimo Universo viene ripristinato insieme a tutti i suoi abitanti.

Curiosità

  • Come per Beerus, Champa, Vados e Whis, il nome di Belmod è un gioco di parole che fa riferimento al Vermut, un vino liquoroso.
  • Nel suo universo (11 universo) c’è un mortale che è più forte di lui e che nemmeno lui può sconfiggere, costui è Jiren, il guerriero più forte dei Pride Troopers.
  • Il character design di Belmod fu disegnato a quattro mani da Toyotaro e Toriyama, così come il character design di Heles. Coincidenza vuole che questi due dei siano uno la controparte dell'altro nei loro rispettivi universi.

Riferimenti

  1. http://www.toei-anim.co.jp/tv/dragon_s/chara/chapter4/