FANDOM


La sconfitta di Super C-17 (大逆転!悟空と18号の二段攻撃さく裂, Daigyakuten! Gokū to 18-gō no nidan kōgeki sakuretsu) è il 7° nonché ultimo episodio della Saga di Super C-17 ed il 47° di Dragon Ball GT. Venne trasmesso per la prima volta in Giappone il 4 giugno 1997. È stato trasmesso in Italia l'11 giugno 2001.

L'episodio

L'episodio inizia con Videl che porta Chichi sulla scena della battaglia, ma Chichi è spaventata e si lamenta per tutto il percorso. Sono seguiti da Bra e Bra , e Bulma non può fare a meno di concentrarsi su come la Terra sta cambiando. Si chiede come possano tornare alla normalità. Nel luogo della battaglia, il Dr. Myuu decide di averne abbastanza di Goku . Ha il Super 17 che prepara la sua Shocking Death Ball e lo lancia direttamente a Goku. Fortunatamente Goku è abbastanza intelligente da usare la Trasmissione istantanea , e viene subito dietro e cattura Super 17.

Il Dr. Myuu dichiara la partita come una situazione di stallo, ma Goku rivela che è pronto a morire per fermare Dr. Myuu e Super 17. Il Super 17 prova a trovare un modo per combattere gratis, ma Goku raccoglie l'energia intorno a sé e si gira in una bomba. Un'enorme esplosione riempie i cieli, e la Terra inizia letteralmente a tremare.

Vegeta pensa che Goku sia andato troppo lontano, e la pentola di Chichi vola via dalla sua testa fino all'hovercar di Bulma. Quando il campo di battaglia si risolve, Goku è tornato nella sua forma da ragazzino che giace a terra per puro esaurimento. Il Dr. Myuu pensa di aver finalmente perso, ma poi Super 17 emerge dall'acqua. Rivela che si è schermato e che ha salvato Goku e le sue vite. Ora è pronto per uccidere Goku, ma l'aiuto arriva. Androide 18 arriva e si trova di fronte a Goku. Dice che se Super 17 spara, allora li distruggerà entrambi perché ha una bomba nel petto. Si strappa la maglietta e mostra il suo seno sinistro coperto con il reggiseno. Promette anche di vendicare la morte di Crilin, e questo dà a Goku la forza di cui ha bisogno. Lei dice anche che il Super 17 è cambiato, e lei non potrà mai perdonarlo.

Invece di sparare su Androide 18, Super 17 cambia bersagli e distrugge Dr. Myuu in modo che possa prendere le sue decisioni. Goku e Android 18 sono scioccati, ma poi Android 18 decide di lanciare l' Infinity Bullet al Super 17. Super 17 inizia ad assorbire le esplosioni di energia , e Goku le dice che li assorbe tutti. Poi Goku si rende conto che il Super 17 non può difendersi quando assorbe le esplosioni di energia, quindi carica l'androide e lo colpisce nello stomaco. Dopo un Dragon Fist fino allo stomaco del Super 17, il Super 17 viene danneggiato dal messaggio che questo è per Crilin. Goku lo finisce con una Kamehameha, e Androide 18 finalmente ottiene un po 'di pace.

La sconfitta di Super C-17

Goku distrugge Super Androide 17 con un pugno di drago

Mentre Vegeta loda gli sforzi di Goku, Goku conforta Androide 18 e sottolinea che l'originale Androide 17 ha vinto perché ha acceso Dr. Myuu e ha mostrato loro come distruggerlo. Goku sottolinea poi che Crilin festeggerà e che Androide 18 dovrebbe essere felice.

Chichi, Videl, Bra e Bulma arrivano sul campo di battaglia pronti a combattere l'Androide, ma Goku dice loro che la battaglia è già finita, quindi Goku promette di riunire le Sfere del Drago per far risorgere Crilin e fermare i terremoti, i vulcani e alluvioni che si verificano Raccolgono l'intera banda insieme e raccolgono le sfere del drago, ma le sfere del drago sono state trovate incrinate. Decidono di provarli comunque, e Goku percepisce un male sconosciuto. Il fumo trasuda dalle sfere del drago, che si uniscono in un grande Drago del Fumo Nero che nessuno della banda ha mai visto prima.

Battaglie

  • Son Goku e 18 vs Super 17

Curiosità

  • Quando 18 insulta Super 17, i suoi occhi sono neri invece di essere blu.
  • Vicino alla fine dell'episodio, Son Goku afferma che le sfere del drago possono essere usate per resuscitare Crilin, tuttavia le sfere del drago lo hanno precedentemente resuscitato in Dragon Ball. Questo potrebbe essere un riferimento alle sfere del drago su Namek.

Riferimenti