FANDOM


Fusionerrata
Voce incompleta
Questa voce non è completa o non è stata ancora scritta, aiutaci a farlo!


Mosco (モスコ Mosuko) è il Dio della Distruzione del Terzo Universo. [1]

Descrizione

Aspetto

È un gigantesco robot verde con in testa un grande occhio arancione che emette una luce rossa e dei suoni traducibili dal suo angelo Campari.

Carattere

Vuole essere certo di non perdere il Torneo del Potere e si assicura che i guerrieri modificati da Nigrisshi non abbiano punti deboli.

Abilità

Nel manga, Mosco riesce a rialzarsi anche dopo essere stato colpito contemporaneamente da Quitela, Rumsshi e Champa, altri tre Dei della Distruzione. Inoltre può lanciare laser energetici dall'occhio e stritolare il nemico con forti prese.

Storia

Dragon Ball Super

Saga della Sopravvivenza dell'Universo

Assiste agli scontri tra il Settimo Universo e il Nono Universo nel torneo dimostrativo per Zeno.

In preparazione al Torneo del Potere osserva attentamente il lavoro fatto da Nigrisshi che presenta i suoi combattenti preparati a qualsiasi attacco avversario.

Tecniche e Abilità 

  • Volo– L'abilità di volare tramite l'uso del ki.
  • Colpo del Ki – Attacco base tramite l'uso del ki.
  • Distruzione - Essendo un Dio della Distruzione,Mosco ha la capacità di distruggere ogni forma di vita.

Curiosità

  • Come per Beerus, Champa, Vados e Whis, il nome di Mosco è un gioco di parole che fa riferimento al drink Moscow Mule.
  • Mosco parla una strana lingua, che può essere compresa solamente dal suo angelo che ne fa da interprete, anche con le altre divinità.
  • Particolare è la sua somiglianza a Luud, robot creato dal Dr. Mieu e presente in Dragon Ball GT.

Riferimenti

  1. http://www.toei-anim.co.jp/tv/dragon_s/chara/chapter4/

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.