FANDOM


Yajirobei (ヤジロベー, Yajirobē), noto come Jirobai nell'adattamento italiano dell'anime, è un personaggio che compare nella saga di Dragon Ball. E' tra i protagonisti principali della prima serie, comparendo a partire dalla Saga del Grande Mago Piccolo; nella serie successiva Dragon Ball Z, il suo ruolo viene notevolmente ridimensionato, facendo qualche sporadica comparsa, mentre in Dragon Ball GT non compare se non in una singola scena alla fine dell'anime, non pronunciando neppure una battuta.

Yajirobei è un ronin (un samurai senza padrone) giramondo che incontra Son Goku mentre questi è alla ricerca di Tamburello, che ha da poco ucciso il suo carissimo amico Crilin. Di lì a poco aiuta il ragazzo a scalare la Torre di Karin, e in seguito rimane a vivere col vecchio eremita, aiutandolo a coltivare i Senzu e a portarli ai Guerrieri Z. A dispetto della sua obesità e della sua vigliaccheria, Yajirobei è un combattente piuttosto abile, specialmente con la sua katana, ed è molto più forte della maggioranza dei comuni Terrestri.

Il suo nome deriva da un giocattolo a bilancia molto popolare in Giappone (弥次郎兵衛, Yajirobee).

Biografia

Dragon Ball e l'incontro con Goku

La prima volta che vediamo Yajirobei è in'occasione dell'inseguimento di Tamburello da parte di Son Goku. Il ragazzo sta inseguendo il demone che ha ucciso il suo amico Crilin poco dopo la conclusione della 22ma edizione del Torneo Tenkaichi, ma il mostro distrugge la nuvola d'oro e lascia cadere il ragazzo nel vuoto, credendolo morto. Al suo risveglio, Goku segue l'odore di cibo e arriva ad un'accampamento deserto, divorando l'enorme pesce che sta cuocendo sopra il falò. In quel momento arriva Yajirobei, che accusa Goku di avergli rubato la cena. Quando vede che il ragazzo ha una sfera del drago appesa al collo, Goku pensa che sia dalla parte di Piccolo, e visto che ha recuperato le forze, lo attacca. Yajirobei si dimostra un'avversario forte e resistente, ma Goku interrompe la lotta quando nota che la sua sfera ha una sola stella, mentre quella rubata da Tamburello ne ha quattro. In quel momento, sopraggiunge Cembalo, un'altro dei demoni generati da Piccolo, che esige la sfera del drago. Goku decide di affrontare il mostro, ma Yajirobei dice che lo affronterà lui, visto che ha fame e che intende mangiarselo. Durante la lotta, Cembalo ha inizialmente la meglio, ma il giovane samurai alla fine riesce a vincere, tagliando a metà il corpo del nemico con la sua katana, lasciando Goku stupefatto.

Morte Cembalo

Cembalo sconfitto da Yajirobei

Yajirobei fa a pezzi il corpo di Cembalo e se lo mangia, dopo averlo cucinato allo spiedo, trovando la carne gustosa e di ottima qualità. Dopo il lauto pranzo, lui e Goku finalmente si presentano. Goku gli spiega cos'è accaduto a Crilin, del demone che l'ha ucciso e della sfera magica che ha rubato. I due vengono però interrotti da Tamburello, il quale è stato informato telepaticamente da Piccolo che Cembalo è stato ucciso. Questa volta, è Tamburello ad avere la peggio. Goku, infatti, dopo aver mangiato ed essersi ripreso dalle ferite, ha incrementato la propria forza; riesce a battere il demone, e quando questi scappa, lo finisce con un'Onda Kamehameha. La morte di Tamburello fa infuriare Piccolo, che decide di recarsi di persona a vendicare la morte dei suoi due figli. Al suo arrivo, a Yajirobei tornano in mente le vecchie storie che ha sentito su Piccolo, e preso dalla paura, consegna la sua sfera del drago a Goku e se la dà a gambe.

Lo scontro tra Goku e Piccolo è violentissimo, e alla fine, il demone ha la meglio. Riduce in fin di vita il giovane, gli ruba la sfera e lo abbandona, credendo di averlo ucciso. A quel punto, Yajirobei, che non è scappato ma che si è solo nascosto, torna da Goku per seppellirlo, ma si accorge che è ancora vivo. Goku gli chiede di portarlo alla Torre di Karin, dicendogli che in cambio gli darà qualcosa di buono da mangiare. Mentre sono in viaggio, Goku percepisce che l'aura di Muten è scomparsa, intuendo che è successo qualcosa di molto grave, e pochi istanti dopo, il cielo diventa nero; il Drago Shenron è stato evocato da Piccolo, il quale ha chiesto ed ottenuto la giovinezza e la forza di un tempo. Yajirobei e Goku arrivano alla fine alla base della Torre. Qui, Goku ritrova Upa e suo padre Bora, al quale racconta del ritorno di Piccolo e della necessità di incontrare nuovamente Karin, così da diventare più forte; Yajirobei non vuole però saperne di scalare la Torre, ma Goku lo convince dicendogli che in cambio gli farà mangiare i "buonissimi" Senzu. Bora lancia Yajirobei, che si è issato Goku sulle spalle, verso l'alto, facendo risparmiare ai due parecchio tempo, ma la scalata richiede comunque delle ore. Quando infine i due raggiungono l'eremo di Karin, Yajirobei è esausto, ma il Maestro nota che è un ragazzo in gamba, per essere riuscito a scalare la Torre con Goku sulle spalle.

Quando scopre che i senzu sono dei fagioli, Yajirobei si arrabbia con Goku, e pensando di essere stato ingannato,
YajirobeSenzu

Una brutta indigestione da senzu

ingoia una manciata di fagioli, non sapendo che uno solo rende sazi per dieci giorni, infatti si sente subito talmente pieno da poter scoppiare.

Goku chiede a Karin di poter essere ancora allenato, ma il gatto gli risponde che non può più insegnargli nulla, e che comunque, Piccolo è troppo forte, visto che ha già ucciso Muten. La notizia provoca la rabbia di Goku che decide di partire subtio, ma Karin lo ferma, dicendo che forse c'è una risorsa alla quale fare ricorso, ovvero, l'Acqua del Dio Maestoso, una sostanza che consente a chi la beve di risvegliare la propria forza nascosta. Quando Yajirobei sente che l'acqua è in realtà velenosa e che nessuno è mai sopravvissuto al primo sosrso, sconsiglia a Goku di berla, e si arrabbia quando il ragazzo decide di provarla ugualmente. Poco prima che Goku la beva, Yajirobei ne assaggia una sola goccia, ma il sapore è talmente disgustoso che è costretto a sputarla immediatamente. Ma il Saiyan è ormai deciso. Beve l'acqua, e per sei ore rimane in bilico tra la vita e la morte. Alla fine, Goku riesce a vincere il veleno, e si risveglia, pieno di forze. Karin gli dona una nuova nuvola d'oro, e Goku parte alla volta del Palazzo Reale, dove Piccolo si è insediato come nuovo Re. Yajirobei, avendo troppa paura, decide di rimanere indietro.

Yajirobee

Yajirobei, il ronin giramondo.

Yajirobei torna a comparire alla sconfitta di Piccolo, soccorrendo Goku, gravemente ferito, e riportandolo da Karin affinchè venga curato. Qui, Karin gli spiega che per far tornare le sfere del drago (Piccolo aveva infatti ucciso il dio drago dopo aver espresso il suo desiderio) è necessario recarsi dal creatore delle sfere, ovvero, Dio in persona. Yajirobei crede che Dio e il suo santuario siano solo delle scemenze. Goku però non è disposto a rischiare: deve riportare in vita Crilin. Seguendo le istruzioni di Karin, recupera il suo bastone, e lo usa per raggiungere il Santuario di Dio.

In seguito si presume che Yajirobei sia rimasto a vivere con Karin, aiutandolo a coltivare i senzu.

Il 23mo Torneo Tenkaichi e il ritorno di Piccolo

Yajirobei si iscrive alla 23ma edizione del Torneo Tenkaichi, presumibilmente sotto falsa identità, dato che durante le eliminatorie indossa una maschera da lottatore di wrestling, forse per non farsi riconoscere. Qui viene sorteggiato assieme a Divo, all'apparenza mite ed imbranato, che tuttavia riesce comicamente a batterlo. Yajirobei intuisce, dopo la sua sconfitta, che Divo non è quello che sembra. Assiste al resto del torneo mescolandosi tra il pubblico, ed apparentemente se la dà a gambe quando Majunior, nel corso dello scontro con Goku, rivela di essere il nuovo Piccolo, rinato e deciso a conquistare la Terra. Invece, Yajirobei rimane nei paraggi fino alla fine del combattimento, e corre a portare un senzu a Goku, talmente ferito da non reggersi in piedi.

Dragon Ball Z e l'arrivo dei Saiyan

Cinque anni dopo la conclusione del Torneo Tenkaichi, Yajirobei vive ancora alla Torre di Karin. Dopo la morte di Goku e di suo fratello Radish, Yajirobei viene messo al corrente dell'imminente invasione dei Saiyan, perciò viene mandato da Karin alla Kame House a riferire che Dio allenerà al Santuario lui, Crilin, Yamcha, Jiaozi e Tenshinhan, così che siano pronti a difendere la Terra. Per sei mesi, i cinque si addestrano assieme a Dio e a Mr. Popo, anche se Yajirobei preferisce passare il tempo ad oziare e mangiare.

Prevedibilmente, quando Nappa e Vegeta arrivano sulla Terra, Yajirobei si rifiuta di andare a combattere. In alcuni episodi dell'anime, viene mostrato a Città dell'Est, mentre racconta a dei giornalisti che i suoi "allievi" si stanno occupando di eliminare gli alieni invasori.

Nel manga, invece, ricompare durante la seconda parte dello scontro con i Saiyan, quando Vegeta ha eliminato
Yajirobei taglia coda

Yajirobei taglia la coda di Vegeta, trasformato in Oozaru.

Nappa e si sta preparando ad affrontare Goku, da poco tornato in vita. Mentre i due guerrieri si preparano alla battaglia, Yajirobei si nasconde tra le rocce circostanti, paralizzato dalla paura.

Dopo che Goku ha apparentemente sconfitto Vegeta scagliandogli contro un'Onda Kamehameha alla quarta potenza, Yajirobei esce felice dal suo nascondiglio per congratularsi, ma si dà nuovamente alla fuga quando Goku gli dice che in realtà il Saiyan è ancora vivo. Vegeta, furente, decide allora di ricorrere alla sua arma estrema, e con l'aiuto di una luna artificiale, si trasforma in un'Oozaru. Sebbene Yajirobei sia troppo debole e vigliacco per prendere parte allo scontro, il suo contributo è fondamentale per ribaltare le sorti della battaglia; dopo che Gohan e Crilin falliscono nel tentativo di tagliare la coda a Vegeta, per farlo tornare normale, è proprio Yajirobei a riuscire nell'impresa. Con un colpo della sua katana, infatti, taglia la robusta coda dello scimmione, per scappare disperatamente a nascondersi subito dopo.

Ancora una volta, però, Yajirobei non fugge e finisce con l'intervenire al momento più opportuno. Mentre Vegeta sta per strappare la coda a Gohan, per evitare che si trasformi a sua volta, il samurai gli arriva alle spalle, ferendolo alla schiena con la spada. Inizialmente esulta pensando di averlo ucciso, ma quando scopre che Vegeta è ancora vivo inizia a balbettare delle scuse. La fortuna comunque lo assiste; non considerandolo pericoloso, Vegeta si limita ad assestargli un pugno, mettendolo fuori gioco. La distrazione creata da Yajirobei comunque è fondamentale, in quanto Crilin riesce a far sì che Gohan guardi la luna artificiale di Vegeta, e si trasforma in Oozaru.

La partenza per Namecc e la Saga di Freezer

Dopo la partenza di Vegeta, Yajirobei viene salvato da Bulma, Muten, Chichi e Karin, ed in seguito portato al Wekong Hospital della Città dell'Ovest. Goku viene ricoverato urgentemente, date le sue ferite, mentre Yajirobei viene solo medicato (avendo riportato solo un pugno da Vegeta), e la cosa lo secca molto. Quando Bulma afferma che grazie al ritrovamento della [Navicella di Dio|nave spaziale]] con la quale Dio era arrivato sulla Terra è possibile raggiungere Namecc, Yajirobei si tira immediatamente indietro.

Per il resto della saga, Yajirobei non compare più nel manga. Solo nell'anime, è mortato in episodi o segmenti filler, in cui viene scelto da Chichi per far parte, assieme a Muten e Oolong di un secondo equipaggio diretto a Namecc per salvare Gohan dalla minaccia di Freezer. Fortunatamente per il ronin (che si unisce all'equipaggio controvoglia), la partenza non avviene, visto che Gohan, Bulma e i Namecciani vengono trasferiti sulla Terra proprio in quel momento grazie al desiderio espresso a Polunga.

Il ritorno di Garlic Jr.

Dopo circa un'anno dalla partenza dei Namecciani dalla Terra, il Santuario di Dio viene preso d'assalto da dei demoni al servizio di Garlic Jr.. Questi fa prigioniero Dio, e grazie alla sua polvere magica diffusa su tutto il pianeta, trasforma i Terrestri in demoni violenti e privi di ragione. Yajirobei e Karin sono immuni da questo lavaggio del cervello, forse grazie all'alta quota in cui è posizionato il loro eremo. Quando Gohan e Crilin si recano al Santuario di Dio per affrontare il nemico, Crilin lascia da Karin la sua fidanzata, Maron, ragazza attraente ma totalmente svampita. Per ingannare il tempo, i tre giocano a poker, ma la ragazza si dimostra sorprendentemente brava al gioco, al punto che arriva a vincere anche i vestiti di Yajirobei, e Karin, rimasto senza oggetti da mettere in posta, si gioca il bastone Nyoi.

La minaccia degli androidi

Dopo tre anni dalla sconfitta di Freezer, la Terra si trova a dover affrontare una nuova crisi. Un ragazzo proveniente dal futuro, infatti, dopo aver ucciso Freezer e suo padre, venuti sulla Terra per cercare Goku e vendicarsi dell'onta subita dalla loro famiglia, avverte i Guerrieri Z che di lì a qualche anno si manifesteranno dei temibili androidi creati dal Dr. Gelo, uno scienziato in forze all'ex Red Ribbon. Il giovane avverte anche che Goku morirà per una malattia cardiaca che neppure i senzu possono curare.

Dopo tre anni di allenamenti, quindi, i Guerrieri Z si ritrovano sul luogo in cui il ragazzo ha predetto l'arrivo degli androidi, ovvero l'Isola Amenbo. All'appuntamento si presenta anche Yajirobei, ma non per combattere, come precisa da subito, ma solo per portare i senzu. Dopo aver consegnato i fagioli, si allontana col suo jet, ma il veicolo viene abbattuto da uno dei nemici, che poi fuggono velocemente sull'isola. I Guerrieri Z si lanciano all'inseguimento, tranne Gohan che va a salvare Yajirobei.

Poco dopo, Yajirobei, Gohan, Bulma, Crilin e Yamcha, quest'ultimo ferito da uno dei due cyborg, assistono ad una serie di esplosioni che devastano l'intera isola, segno che la battaglia è già iniziata.

Riferimenti

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.